Notifiche
Cancella tutti

Corso su Performing Media alla Sapienza-Università di Roma: il percorso

209 Post
49 Utenti
816 Likes
2,200 Visualizzazioni
Luca Romani
Post: 4
New Member
Registrato: 5 mesi fa

Anche io faccio parte del gruppo Pensiero^7.

Per quanto riguarda la scelta del nome non ho nient'alto da dire in aggiunta quello che hanno già spiegato @serenagiglio, @elenapusceddu, @alessia-2 e @bianca-buzzanca.

I miei ruoli per la creazione del video sono stati la scelta di clip significative, la trascrizione della lezione per la creazione dei sottotitoli, essere una delle due voci del dialogo presente e dare una mano nella stesura dei testi del suddetto dialogo.

Sicuramente di questo corso mi è rimasto impresso l'utilizzo della #tecnologia come mezzo di fruizione dell'arte. Anche all'interno dei #walk-about sotto forma delle radio attraverso cui veniva trasmessa la voce; di certo non si trattava di una tecnologia di primo pelo ma è stato interessante di come si sia trovato un utilizzo alternativo di qualcosa ormai considerato obsoleto, arrivando a creare una sorta di #collegamento tra tutti i partecipanti e riducendo di conseguenza le #distanze tra ognuno.

 

Rispondi
Elisa M
Post: 5
Active Member
Registrato: 5 mesi fa

Lezione del 05/05/2022

 

Titolo: 4rte_1n_c0d1ce

Sottotitolo: Le opere di un nuovo mondo

Sinossi: Quando si parla di NFT si tende sempre a circoscriverli all’interno di un panorama economico attribuendo maggiore importanza al valore monetario tralasciando quello artistico. Spogliati della loro valuta gli NFT rimangono vere e proprie opere d’arte realizzate attraverso processi, stili e tecniche differenti. Il video valorizza la parte artistica degli NFT evidenziando una realtà ad oggi ancora poco conosciuta e citando alcuni tra i più famosi creatori dei nostri tempi.

Parole chiave: Crypto Art - Digitale - Innovazione - Copia singola - Arte generativa

Link video: 4rte_1n_c0d1ce

Gruppo: Banane di Ansia

Manca Elisa 1808231

Morcella Filippo 1805403

Barone Eleonora 2022488

Rispondi
2 Risposte
Filippo Morcella
Registrato: 5 mesi fa

New Member
Post: 1

@elisa

4rte_1n_c0d1ce

GRUPPO BANANE DI ANSIA
Composto da - Elisa Manca, Filippo Morcella, Eleonora Barone.

Il video è stato pensato per essere un contenuto fruibile su più piattaforme, dal forum stesso fino a youtube.
Ogni componente del gruppo si è dedicato a un aspetto specifico del confezionamento finale del video:
Elisa Manca - Scrittura del video e delle parole chiave;
Eleonora Barona - Ricerca e analisi del contenuto del video;
Filippo Morcella - Composizione e montaggio finale.

La realizzazione del video si è focalizzata sulla natura degli NFT e come questi si configurino come vere e proprie opere d'arte, ma dai quali si tende sempre a vedere la parte economica, tralasciando il lavoro, lo studio e la ricerca artistica da cui nascono. 

La spiegazione di questi token avvenuta in classe ha configurato una prima ricerca dell'elaborato, per poi trasformarsi in un video che andasse ad analizzare le tecniche e gli artisti del mondo NFT. Una prima impostazione del progetto voleva definire il video come un documentario, ma poi ci è sembrato più inerente un video con un ritmo più serrato composto da una veloce alternanza di sequenze di programmi, cartoni e serie tv, che ricollegano il mondo NFT a un ambiente POP moderno.

KEYWORDS - #BALENA BIANCA #POP #CAOTICO #SENSAZIONE #DIGITALIZZATO #PRIMO IMPATTO

Rispondi
Eleonora-Barone
Registrato: 5 mesi fa

New Member
Post: 2

@elisa 

4rte_1n_c0d1ce

GRUPPO BANANE DI ANSIA
Composto da - Elisa Manca, Filippo Morcella, Eleonora Barone.

 

Sono una componente del gruppo Banane di Ansia.

Come già anticipato dai miei colleghi il mio ruolo è stato quello della ricerca/ripresa video e dell'analisi di quest'ultimi. La parte estremamente interessante del mio compito, è stato sicuramente quella di decodificare #Concetti e #KEYWORDS, rendendoli più fruibili tramite #Immagini, #Suoni e #Parole, trasformarli quindi in una #ChiaveDiLettura che potesse essere raggiungibile su più fronti.

 

Affrontare il concetto di NFT mi ha dato una consapevolezza in più. Mi ha dato prova che la società odierna è un continuo mutamento, una continua evoluzione e un continuo divenire. Sta a noi andare al passo con lei. Per potere andare avanti però bisogna avere coscienza anche di ciò che siamo stati, di ciò che c'era prima e di ciò che eravamo prima. 

Barone Eleonora 2022488

Rispondi
Camilla Lantieri
Post: 6
Active Member
Registrato: 5 mesi fa

Gruppo - La terna RGB

Aurora Catalano, Chiara Di Marzio, Camilla Lantieri

Video: Incorporo - La tecnologia come linguaggio da manipolare

Per la creazione di questo video abbiamo lavorato in stretta collaborazione soprattutto in una prima fase di brainstorming e di successiva strutturazione del concept. Abbiamo, infatti, unito forze e idee per ottenere come risultato un video che riuscisse a trarre il senso principale dalle parole chiave raccolte in aula. In particolare, assieme a Chiara, mi sono occupata delle riprese video realizzate in classe stabilendo (tra noi a priori) di realizzarle da prospettive diverse ottenendo inquadrature tra loro complementari. Inoltre ho realizzato le grafiche e una breve animazione presenti all’interno del video. Con Aurora ho scelto il background musicale che meglio potesse adattarsi ai nostri contenuti. Infine, dopo un confronto di gruppo, mi sono dedicata alla scrittura della sinossi.

Per descrivere, invece, il percorso all’interno di questo corso mi vengono in mente i concetti chiave di:

ragionamento poiché la comprensione dei concetti esposti a lezione ne richiedeva molto;

interrogativi su come creare una sintesi coerente tra i discorsi fatti in classe e il mondo NFT;

spostamento mentale e fisico tra interno ed esterno;

tecnologie abilitanti come espressione che a mio avviso raccoglie uno dei concetti cardine attorno cui si è dibattuto.

 

Camilla Lantieri 2021136

Rispondi
3 Risposte
Chiara Di Marzio
Registrato: 5 mesi fa

New Member
Post: 4

@camilla 

Anche io faccio parte del gruppo La terna RGB.

Nel dettaglio il mio ruolo è stato quello di effettuare riprese video contemporaneamente alla mia compagna Camilla Lantieri. Infatti, abbiamo prestabilito la distanza da cui effettuare le riprese e la porzione di aula che entrambe dovevamo occupare in modo da poter ottenere delle inquadrature diverse dello stesso momento così da rendere il video più dinamico.

Inoltre mi sono occupata della raccolta del materiale esterno, scelto per enfatizzare e donare sostegno ai temi trattati a lezione e riportati nel video.

Infine ho realizzato il montaggio, nel quale ho legato insieme le diverse riprese mixate all’occorrenza al materiale esterno e agli altri elementi preparati dagli altri membri del gruppo.

 

Per quanto riguarda il corso, a me piace pensarlo più come a un #percorso nel quale abbiamo fatto #esperienza di tematiche molto attuali e nel quale abbiamo avuto la possibilità di essere dei #partecipanti attivi, rompendo la classica distanza frontale delle aule. Inoltre ho trovato molto interessante vedere come le diverse #forme d’arte possano legarsi alle #tecnologie e farne un uso proprio e nuovo, spesso scollegando quest’ultime dai loro contesti ordinari. Vorrei infine terminare questo breve commento con una frase di Vasilij Kandinskij, ovvero “Ogni opera d’arte è figlia del suo tempo”.

 

Chiara Di Marzio, 2019173

Rispondi
Aurora
Registrato: 5 mesi fa

Active Member
Post: 5

@camilla 

Anch'io sono una componente del gruppo La terna RGB.

Per la realizzazione del video ho contribuito alla selezione e alla trascrizione delle parole e dei concetti chiave per sviluppare il concept del video. Inoltre, mi sono occupata di selezionare le riprese video e la soundtrack, e ancora, di ricercare le reference esterne prese dal web che hanno arricchito il significato narrativo del video.

L’esperienza del corso mi ha permesso di comprendere l’approccio dell’#arte alla tecnologia, e in questa area, l’#NFT dispone la creatività ad infinite potenzialità. Da qui mi collego alla definizione di #tecnologie abilitanti che sono un’#estensione di noi, delle opportunità che ci permettono di svolgere azioni, e pertanto non considerarle come strumenti esterni.

 

Aurora R. Catalano, 1766614

Rispondi
Camilla Lantieri
Registrato: 5 mesi fa

Active Member
Post: 6

Abbiamo apportato delle lievi modifiche grafiche al video per renderlo stilisticamente più omogeneo.

Dunque allego link: inCORPOro - La tecnologia come linguaggio da manipolare

Rispondi
Matteo Giancola
Post: 3
New Member
Registrato: 4 mesi fa

Salve a tutti,

il progetto del video #NodiDiPensiero del gruppo #Pensiero^7 nasce a seguito di una sessione di brainstorming collettivo all'interno del gruppo, durante la quale abbiamo definito i concetti chiave da includere nel progetto e il criterio con cui ordinarli, l'estetica generale del video e i significati principali da far emergere. Infine abbiamo determinato le attività operative che ogni componente del gruppo avrebbe dovuto svolgere.

Personalmente mi sono occupato delle riprese video in aula, della selezione, montaggio ed editing delle clip video e ho svolto alcune parti recitate incluse nel progetto.

 

Per quanto mi riguarda il corso su Performing Media è stato un viaggio introspettivo in quanto molti argomenti, per poter essere compresi il più possibile, necessitavano di una profonda elaborazione interna. L'esempio più immediato di quanto detto sono gli NFT stessi, all'apparenza un mero strumento tecnologico, nella realtà una vera e propria forma di linguaggio. Probabilmente chiedersi "Cos'è un NFT?" e chiedersi "Cos'è l'Arte?" è analogo. Se dovessi rispondere a tale domanda direi che è Arte tutto ciò che offre la chiave di lettura a una verità celata, immateriale, spesso sotto gli occhi di tutti ma non direttamente percepibile e che per forza deve offrire tempo di contemplazione. Insomma, per me l'Arte, o meglio gli artefatti artistici, sono finestre che permettono di affacciarsi e collegarsi al mondo intangibile, quello che Platone chiamava l'Iperuranio.

(#NFT #ReteDiValore #RiconoscimentoDelValore #Processo)

 

Un saluto, a presto

Rispondi
Simone Diodati
Post: 14
Active Member
Registrato: 5 mesi fa

Simone Diodati, Gruppo Mint

Video: Tecnologia come medium generatore di valore e connessioni

Link: https://youtu.be/xpys_Ka9_k8

Ruolo principale: riprese video, scrittura

 

Il mio ruolo principale nella progettazione dell’elaborato è stato quello del copywriter: mi affascina scrivere e ho trovato molto stimolante la sfida di creare una sinossi a partire dalle parole chiave a nostra disposizione. Ho affrontato il processo di scrittura nel seguente modo: personalmente io interpreto il testo scritto (ovvero l’insieme delle battiture) come un corpo, una creatura, un organismo e per definirlo è necessario partire dalla sua struttura portante, ovvero dalle parole chiave che fungono da ossatura; una volta individuate le parole attorno alle quali articolare la riflessione e il filo logico della narrazione, si da vita alla sinossi sviluppando l’intero testo e conferendo coerenza ed omogeneità all’elaborato.

 

Per quanto riguarda le riprese invece, mi piacerebbe parlare di quello che è avvenuto “dietro le quinte”, ovvero di come mi sono mosso per la realizzazione di particolari scatti che, per motivi progettuali, non sono stati poi inseriti nel video finale: ho infatti posto particolare attenzione al processo in quanto a riprese statiche si contrappongono inquadrature dinamiche, a scatti omnicomprensivi dell’aula si contrappongono fotogrammi specifici e dettagliati; il tutto è avvenuto anche riproducendo alcuni luoghi comuni della videoarte come lo schermo nello schermo. Ho voluto lasciare questa documentazione in quanto uno degli insegnamenti che ho maggiormente recepito dai walkabout è stato quello di testimoniare non solo ciò che c’era e ciò che c’è ma anche ciò che ci sarebbe potuto essere.

 

Entrando nella specificità del montaggio del video ho trovato interessante proporre al gruppo l’inserimento della registrazione relativa alla disintermediazione e collocarla nei primi 30 secondi del video, in quanto la considerazione condivisa da @carlo in quel frangente ci ha permesso di impostare il tema dell’NFT, e quindi l’intero video sul versante sociologico e fenomenologico.

 

I miei pensieri relativi al corso ruotano invece intorno a differenti tematiche:

  • Urbanismo tattico: il tema non mi era nuovo in quanto vi ho dedicato la mia tesi triennale ma in questo corso l’ho, personalmente, osservato da un punto di vista differente, grazie e soprattutto al Performing Media che permette di guardare alle cose non (solo) dal punto di vista progettuale ma dal punto di vista ontologico.
  • Interaction design: di questo tema e delle correlazioni con l’avanguardia tecnologica eporediese abbiamo parlato più volte ma ciò che mi meraviglia è che da una piccola e genuina favola come quella della Olivetti, perché di una favola si tratta se si osservano la purezza delle idee e la nobiltà della loro messa in pratica, si sono poste le basi per la costruzione del moderno asset tecnologico.
  • Videoteatro: a differenza delle precedenti “branche”, questa per me è stata una novità assoluta. In particolare ho apprezzato come questo fenomeno si ponga alla base di una più ampia estensione multimediale, come testimonia Prologo (Studio Azzurro, 1985).
  • Walkabout: anche in questo caso si tratta di una novità; ciò che mi è rimasto più impresso è che non solo si testimonia una specifica realtà ma la si (ri)vive nel mentre, rendendoci parte della stessa.

 

Allego:

 

Da queste considerazioni condivido quindi le mie tag:
#testimonianza #interazione #interpretazione #videoteatro #quinta #riqualificazione #asset #disintermediazione #storytelling #interfaccia

 

Simone Diodati.

Rispondi
1 Rispondi
Daniele Rainone
Registrato: 5 mesi fa

New Member
Post: 4

Daniele Rainone, 2012988, Gruppo Mint

Video: Tecnologia come medium generatore di valore e connessioni

Link:  https://youtu.be/xpys_Ka9_k8

Ruolo principale: riprese video, footage

Per la realizzazione del video sulla lezione del 17 marzo svolta coi miei colleghi (Giorgio Guidotti, Simone Diodati, Simone Scafati) mi sono occupato della ricerca e della selezione del materiale. Questo è stato possibile solo dopo un attento confronto col gruppo dove una volta revisionato assieme il materiale a nostra disposizione, abbiamo estrapolato dei concetti chiave: #PotenzialeTecnologico, #Disintermediazione, #Trasparenza, #Testimonianza, #Trasversalità, sui quali abbiamo definito la struttura del video. Una volta ottenuti i concetti ho proseguito col cercare e trovare il materiale più adatto alla nostra visione. Ammetto che la selezione del materiale non è stata facile in quanto ognuno di noi aveva prodotto un centinaio circa di riprese video; a queste riprese vanno aggiunte più di cento parole chiave raccolte dalla lezione. Per concludere dirò che la cernita l'ho effettuata tenendo conto principalmente della qualità audio e video di ogni ripresa realizzata in aula e di ogni materiale recuperato in rete sugli argomenti trattati durante la lezione per perseguire, come scopo, la realizzazione di un buon prodotto video. 
___

Per quanto riguarda il corso di Performance Design del Prof. Luca Ruzza, l'aspetto che ho trovato interessante è il #confrontarsi e il farci #riflettere sui diversi argomenti trattati da @carlo durante le lezioni del corso, come ad esempio: il Performing Media (in particolare l'aspetto dell'engagement ovvero del #coinvolgimento determinato dai nuovi media sempre più performanti), il New Bauhaus Europeo (un tema che ci riguarda e ci riguarderà a cui lentamente stiamo andando incontro, vedi la diffusione sempre più in aumento dei mezzi di trasporto elettrici ad esempio; qui un articolo a proposito e qui un video che ne sintetizza i concetti chiave), il walkabout, quest'ultimo è un altro aspetto interessante del corso a cui abbiamo preso parte esplorando luoghi periferici di Roma e scoprendoli attraverso un nuovo modo di vedere e scoprire ciò che ci circonda con l'ausilio delle "radio nomadi", l'aspetto del #prosumer ovvero quello che noi diveniamo nel momento in cui interagiamo coi social networks.

A questi argomenti poi vanno aggiunte le riflessioni con Massimo Di Leo e Gaia Riposati sul tema all'ordine del giorno ovvero il mondo degli NFT, sulle sue possibilità d'utilizzo, le criptovalute, la blockchain come sistema di disintermediazione, lo scetticismo su queste novità come d'altronde accade su qualsiasi nuova tendenza, gli NFT come simbolo di possesso, ricchezza, vanto. Insomma diversi spunti che ci invitano a riflettere sulla società odierna e in particolare sulle tecnologie sempre più performanti e immersive nelle nostre vite.

Parole chiave del corso: #confrontarsi, #riflettere, #coinvolgimento, #prosumer

Rispondi
Pagina 14 / 25
Condividi: